69. Happy Chinese New Year

É quasi l’una di notte e dovrei dormire, visto che fra poco piú di quattro ore la sveglia suonerá imperterrita, ma non é cosí semplice. Questo per l’eccitazione in vista dell’imminente partenza per il Giappone? Non proprio. Diciamo piuttosto che fuori dalla finestra imperversa uno scenario da far invidia a Beirut nei momenti “migliori”.

É appena cominciato il nuovo Anno Cinese, quello della Scimmia: da queste parti hanno cominciato con i festeggiamenti stamani alle dieci e giá alle sei del pomeriggio sembrava di essere sulla striscia di Gaza (QUI, un piccolo assaggio dello scenario dal mio balcone: moltiplicatelo per diciassettemila chilometri quadrati e dodici milioni di individui e avrete un’idea della situazione).
Io e A. siamo andati a cena fuori: le strade erano deserte giá alle sette, abbiamo faticato a trovare un locale aperto e un taxi che ci portasse a destinazione. Ma nell’aria c’era il rombo costante dei fuochi e, giá al ritorno verso casa, per strada vigeva un regime da autentica guerriglie urbana. Cumuli di carta sbruciacchiata, ordigni inesplosi, biciclette e vecchie poltrone piazzate nel bel mezzo della carreggiata a sbarrare la strada alle poche macchine, in modo da potersi dedicare liberamente all’attivitá preferita del momento: far saltare in aria la cittá intera.

Quindi, finché sono vivo e vegeto, colgo l’occasione per augurare a tutti un Buon Capodanno Cinese!
Che la Scimmia faccia un buon lavoro e porti tante belle novitá a voi e anche a me.

La capra, male, non si é comportata.

CNY inside

Muori dentro al pensiero di perderti un solo post? Come darti torto...


Email
Nome
Cognome

One thought on “69. Happy Chinese New Year

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *