175. Xinjiang Capitolo Secondo.

Con le due settimane passate in quel caleidoscopio di colori, odori e scenari incredibili chiamato Xinjiang si aggiunge la spunta all’ultima vera destinazione che era rimasta nella mia bucket list dei posti da visitare in Cina, e questo ne fa una specie di pietra miliare.
A parte qualche primo viaggio in mete molto popolari, la mia vera stagione alla conquista della Terra di mezzo era cominciata editante la pandemia da Covid, e devo dire che di Cina da allora ne ho putata vedere davvero tanta _ come potete vedere dai post passati -. Il fatto è che con le frontiere chiuse e la maggior parte della popolazione ancora poco restia a viaggiare e recarsi in posti affollati, paradossalmente, il biennio 2020-2021 era diventato il periodo perfetto: ero riuscito a trascorrere del tempo meraviglioso non solo in destinazioni spesso difficilmente accessibili, ma addirittura talvolta quasi in solitudine – cosa che qui è davvero difficilissimo che si verifichi.

Ormai da un anno invece la Cina ha deciso per la via del “liberi tutti” e ha riparto le frontiere: anzi, dalla settimana scorsa per i cittadini di otto Paesi stranieri, fra cui l’Italia, sarà possibile entrare in Cina e trascorrervi fino a due settimane per affari o turismo, senza nemmeno bisogno di fare il Visto (per la gioia delle costosissime agenzie che si prodigavano a procurarlo a distanza) segno di una nuova esigenza di attrarre gente e soldi dall’estero. Potendo quindi entrare e uscire a piacimento, credo che le mie prossime destinazioni di viaggio torneranno ad essere il Sud-Est asiatico – lì sì che ho ancora qualche voce da spuntare – e magari ancora oltreoceano. Sto giusto tenendo d’occhio un paio di voli per il Capodanno Cinese 2024. Saranno quattro anni che non mi faccio un po’ di mare degno di questo nome… e sono sinceramente tentato di rimediare.

Intanto, cosa non scontata, mi appresto a tornare in Italia per le vacanze di Natale… e chissà che non riesca a trattenermi un po’ da quelle parti.

TIANQI LAKE










FUYUN
Keketuohai Scenic Area, No 3 pit former Mine.














BURQIN
Wucaitan (Five colured hills)










KANAS LAKE








HEMU VILLAGE












KARAMAY
Wu’erhezhen.









URUMQI
Gran Bazaar.







(se siete arrivati fin quaggiù vi meritate di saperlo: il blog a breve lo chiudo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *